Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK


 
 
 
Centro Documentazione Grappa Luigi Bonollo

Il  Centro Documentazione Grappa Luigi Bonollo
La grappa è tanto radicata nell'uso e nel costume italiano da costituire un simbolo, anche all'estero, della nostra civiltà a tavola e, di conseguenza, assume sovente il ruolo di acquavite di bandiera.
Parallelamente ha un peso rilevante sulla nostra economia vitivinicola e sul comparto della distillazione. Il valore della grappa per il nostro Paese è stato esplicitamente riconosciuto dalla Comunità Europea che, con il Regolamento 1576 del 1989, ha reso la denominazione di uso esclusivo per l'acquavite prodotta in Italia mediante la distillazione diretta delle bucce degli acini d'uva (vinacce) e dei depositi naturali del vino. Le Distillerie Bonollo, maggiori  produttrici di grappa, hanno voluto onorare la memoria del loro fondatore, promuovendo la costituzione di un centro di documentazione che ha sede in una delle più prestigiose zone vinicole italiane, il Chianti, in una distilleria restaurata con attento e selettivo recupero, anche per quanto riguarda alambicchi e cantine di invecchiamento, della tradizione grappicola.

Gli obiettivi e l'attività
II  Centro Documentazione Grappa Luigi Bonollo, oggi unico al mondo nel suo genere, opera in collaborazione con il Comune di Greve in Chianti e persegue i seguenti obiettivi:
la costituzione e l'aggiornamento di un archivioin cui vengono raccolti, catalogati in modo scientifico e messi a disposizione del pubblico libri, documenti antichi e di attualità (cartacei, audiovisivi, audiofonici e magnetici) riguardanti gli aspetti tecnologici, storici, culturali ed economici della grappa e del suo mondo;
la  promozione  e  la divulgazione della cultura della grappa in Italia e all'estero, attraverso la fattiva collaborazione con enti e persone che operano nello stesso settore o in campi affini, mediante l'organizzazione di convegni, riunioni, seminari e tavole rotonde, promuovendo e realizzando pubblicazioni specifiche;
lo svolgimento di studi e ricerche sul passato e sul presente della grappa, per metterne in evidenza i contenuti tecnologia e culturali, le  valenze  turistiche  ed etnografiche;
• consentire a quanti, operatori dell'ospitalità e della comunicazione, studiosi e ricercatori, amministratori pubblici o semplici amatori, desiderano approfondire le loro conoscenze sulla grappa, di godere di un documentato e competente  punto  di riferimento.

La struttura
II cuore del Centro Documentazione Grappa è costituito dalla biblioteca-archivio sistemata in una luminosa sala dotata di arredi capaci di contenere migliaia di documenti, tavoli per una comoda consultazione e mezzi per la catalogazione su supporto magnetico.
A fianco, in un ampio salone dal quale si possono osservare alambicchi tuttora funzionanti,
diversi per epoca di costruzione e tipologia, sono custodite stampe antiche e piccoli oggetti attinenti alla produzione ed al consumo della grappa.
Dal salone si accede alla saletta tecnica utilizzata per degustazioni guidate, proiezioni, conferenze e riunioni. A piano terra, lungo il percorso che porta alle cantine di invecchiamento, sono esposti antichi oggetti in rame un tempo utilizzati dai grappaioli.

Come si partecipa alla vita del Centro Documentazione Grappa
II Centro Documentazione Grappa è legalmente costituito come associazione apolitica e senza finalità di lucro alla quale possono aderire persone fisiche e  giuridiche  che presentino  domanda  al Consiglio d'Amministrazione ottenendo il relativo accoglimento. I soci sono distinti dallo statuto in sostenitori, ordinari e d'onore.
Naturalmente il Centro Documentazione Grappa con le sue iniziative (appositamente studiate da un Comitato Scientifico  composto  da personaggi del mondo della cultura, ricercatori e giornalisti) coinvolge un pubblico ben più vasto del proprio corpo sociale.

La visita e la consultazione del materiale
Quanti sono interessati ad approfondire la loro conoscenza della nobile acquavite italiana possono chiedere di visitare il Centro Documentazione Grappa e di consultare gli archivi a disposizione del pubblico telefonando allo 055.8544466 per concordare un appuntamento.